Il Codice del Consumo – La Tutela del Consumatore

 

Tutela dei Diritti del Consumatore
Le clausole cosiddette vessatorie nei contratti del consumatore sono dichiarate nulle dal Giudice, su ricorso del consumatore.
Il consumatore può ricorrere al Giudice sia per contestare la mancanza di conformità del prodotto alle caratteristiche dichiarate nel contratto di vendita, sia per denunciare la presenza di difetti del prodotto, sia per accertare e dichiarare la nullità delle clausole vessatorie.
Tutela dei Diritti del Consumatore – Le Compagnie Telefoniche
Le regole del Codice del Consumo disciplinano anche i rapporti dei consumatori con le società di produzione e fornitura di beni e servizi nell’ambito della telefonia, delle telecomunicazione e della telematica.
Sono stati ormai introdotte da tempo procedure preventive obbligatorie di conciliazione davanti ai CO.RE.COM., organismi pubblici deputati al tentativo di composizione preventiva delle vertenze tra gli utenti e le aziende del settore delle comunicazioni.
Tutela dei Diritti del Consumatore – Banche ed Assicurazioni
La legge disciplina specificamente il contratto di credito, definito quale contratto con cui un finanziatore concede al consumatore un credito.
La protezione del consumatore è assicurato attraverso obblighi imposti al finanziatore in materia di pubblicità degli elementi base del contratto, in ordine alla informazione precontrattuale, alla forma scritta dei patti e predeterminazione legale delle clausole essenziali del contratto.
Particolari norme regolano anche i rapporti con Banche, Istituti Finanziari e Compagnie Assicurative, soggetti a stringenti controlli da parte della Banca d’Italia, della CONSOB e dell’IVASS.