Fallimento e Procedura Concorsuali

 

Secondo le regole dettate dalla Legge Fallimentare, imprese e società in stato di insolvibilità possono essere tratte davanti al Tribunale competente per territorio, per essere eventualmente assoggettate a dichiarazione di fallimento.
La dichiarazione di fallimento apre una procedura concorsuale.
In primo luogo si deve procedere alla verifica dei debiti del soggetto fallito ed all’ammissione al passivo del fallimento dei crediti.
La procedura concorsuale è volta, quindi, alla liquidazione delle attività e del patrimonio del soggetto fallito ed alla consequenziale distribuzione del ricavato di detta liquidazione in favore dei creditori ammessi al passivo, su base paritaria, salvi i diritti di prelazione.